Menu istituzionale
Menu principale
Contenuto della pagina
Sei in:   Home Press and Media News 2019 I fatti della Val D'Enza e noi: sono stati giorni difficili...

I fatti della Val D'Enza e noi: sono stati giorni difficili...

condividi su FaceBook invia con Twitter

30 giugno 2019

Sono stati giorni difficili.

La vicenda degli affidi illeciti di minori nella Val D’Enza, nella quale  sono coinvolti tra gli altri dei professionisti assistenti sociali, ha  scatenato una parte dei media e dei social in una criminalizzazione  della professione, quella professione, composta da 44mila iscritti, che  ogni giorno lavora cercando di alleviare i disagi dei più deboli. 

Alcuni media, alla ricerca del nemico quotidiano e del sensazionalismo, e non  dell’informazione e della chiarezza, hanno preferito puntare il dito, presentare senza contraddittorio testimonianze ed  accuse in alcuni casi  surreali.

Non ci siamo nascosti e abbiamo  cercato di riportare un filo di verità, di spiegare come funzionano gli  iter in situazioni così difficili, di difendere tutti i professionisti  seri e impegnati danneggiati loro per primi da chi si fosse macchiato di quei reati, nel caso le accuse venissero confermate.

Sulla vicenda di Val d'Enza, infatti, abbiamo reso immediatamente pubblica la nostra posizione: se i politici, i medici, gli assistenti sociali, gli  psicologi coinvolti saranno giudicati colpevoli, per quanto ci riguarda i nostri iscritti smetteranno di essere tali, ed inoltre l’Ordine si  costituirà parte civile contro di loro.

Non è facile, non va di moda capire e interrogarsi. 

Va di moda additare il nemico, sparare nel mucchio per fare sensazionalismo.

Noi non ci stiamo, facendo nostre le parole del Procuratore capo di Reggio  Emilia Marco Mescolini: “Sia chiaro che non facciamo generalizzazioni  perché chi fa l’assistente sociale ha diritto alla tutela  dell’onorabilità del mestiere. Non è il sistema dei servizi sociali  sotto esame, ma le persone attinte dalla misura"

Grazie ai media che non hanno cercato il sensazionalismo.

Questa, una piccola rassegna dei nostri interventi degli ultimi giorni.

Venerdì 28 intervento in diretta alle trasmissioni “Uno, nessuno, 100Milan” di Radio24 e “Cento  città” di Rai radio1

Il fatto quotidiano: https://bit.ly/2Xz89kZ

Vita: https://bit.ly/2YmbaCf

Tg3: https://bit.ly/2KMNYK7